SVN logo

Tragedia in Messico, muore surfista di 22 anni

Stava inseguendo l’onda perfetta, ma gli è stata fatale una caduta dalla tavola su un basso fondale

Abbonamenti SVN
ADV
Puerto Escondido (Messico) - La ricerca dell’onda perfetta è uno dei pensieri fissi di molti surfisti, e a volte per inseguirla questi sportivi viaggiano per migliaia di chilometri e corrono anche grossi rischi. Il mondo delle tavole piange il 22enne brasiliano Oscar Serra, che il 18 luglio ha perso la vita mentre stava praticando il suo sport preferito.

Il giovane surfista si era recato in Messico, presso la spiaggia di Zicatela, Puerto Escondido. La giornata era impegnativa dal punto di vista delle onde, con mare molto grosso e vento. Il surfista non era solo, ma con lui a cavalcare le onde c’erano altri ragazzi di varie nazionalità.

Oscar Serra aveva deciso di entrare in acqua poco dopo l’alba, per sfruttare quello che doveva essere il momento migliore, con onde potenti e lunghe da cavalcare. Qualcosa però non è andato per il verso giusto, surfando un frangente infinito Serra ha perso il contatto con la tavola ed è caduto dentro l’onda, finendo sbattuto contro il fondale nel cavo del frangente. L’impatto è stato devastante e la sua gravità acuita dal basso fondale e dalla presenza di rocce. A soccorrerlo immediatamente sono stati i bagnini della spiaggia e gli altri surfisti, ma quando è stato riportato a terra Oscar Serra era già senza vita.

L’amico surfista Ainara Aymat lo ha raccontato così: “Voleva cavalcare quest’onda da molto tempo. Mi ha sempre detto che questo sarebbe stato il modo migliore per andar via”.


© Riproduzione riservata