domenica 2 ottobre 2022
  breaking news

Emergenza climatica: trimarano di Soldini colpito da una tromba d’aria. Non si può aspettare

Maserati, il trimarano di Soldini, è stato scaraventato a terra da una tromba d’aria. “Nel Mediterraneo il limite è stato superato, bisogna agire subito, non si può andare oltre”, l’allarme lanciato dal navigatore

Il trimarano di Soldini colpito da una tromba d’aria e scarvantato a terra dall'invaso su cui era posizionato in cantiere
Il trimarano di Soldini colpito da una tromba d’aria e scarvantato a terra dall'invaso su cui era posizionato in cantiere

Una violenta tromba d’aria nella giornata di ieri ha fatto uscire dall’invaso e scaraventato a terra il trimarano Maserati Multi 70 (21 metri di lunghezza per 6 tonnellate di peso) di Giovanni Soldini che era in cantiere vicino al Marina di Carrara.

La notizia è stata data dallo stesso Soldini che in un post sulla sua pagina Facebook ha raccontato che cosa sia accaduto.

Nel messaggio di Soldini, che pubblichiamo in fondo alla notizia integralmente, il navigatore sottolinea come l’emergenza climatica sia sotto gli occhi di tutti e della necessità di agire subito, senza continuare a pensare che ci sarà il tempo per farlo in futuro.

A bordo di Maserati il navigatore ha installato alcuni dispositivi per monitorare i cambiamenti climatici, tra cui un rilevatore di CO2 e la temperatura dell’acqua, da questi dati emerge, come spiega Soldini, che la soglia è stata oltrepassata da tempo.

I cambiamenti climatici sono evidenti, il Mediterraneo fino a pochi anni fa non era protagonista di eventi atmosferici così violenti caratteristici, invece, di zone a temperature più elevate.

La cosa grave è che nonostante i segnali si stiano moltiplicando e oggi sia difficile negare il problema, la politica non sta facendo il massimo per salvare il nostro pianeta e se continueremo su questa strada le conseguenze saranno catastrofiche e irreversibili.

Il post integrale pubblicato nella pagina ufficiale di Giovanni Soldini su Facebook

18 agosto 2022 - Una violenta tromba d’aria ha investito questa mattina la zona del nostro cantiere, vicino a Marina di Carrara, provocando enormi danni. Il vento ha sollevato #Mase-ratiMulti70 facendola uscire dall’invaso e l’ha scagliata a terra a metri di distanza.

Stiamo ancora verificando l’entità dei danni subiti, domani con una gru rimetteremo la barca sulle selle e inizieremo delle analisi con ultrasuoni per trovare i punti che hanno subito degli urti.

Questi eventi meteorologici così violenti, che causano danni gravissimi, sono collegati alla temperatura elevata dell’acqua del Mediterraneo e sono sempre più frequenti. L'emergenza climatica è sotto gli occhi di tutti, per limitare le conseguenze dobbiamo agire ora.

100 persone evacuate per la Tromba d’aria a Marina di Carrara

I danni al trimarano di Giovanni Soldini non sono l’unico spiacevole inconveniente legato alla tromba d’aria che ha colpito il carrarese.

Nelle due cittadine sono state ben 100 le persone evacuate. A causa delle tante abitazioni danneggiate dalle forti raffiche di vento sono state necessarie diverse verifiche da parte dei vigili del fuoco per valutare l’integrità delle strutture.

La situazione nel contesto della regione Toscana è, se possibile, ancora più seria: si parla di 2 vittime e della richiesta dello stato di calamità.

© Riproduzione riservata

Lascatutto Lascatutto Lascatutto
ADVERTISEMENT
Slam Slam
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI