SVN logo
SVN solovelanet
sabato 28 novembre 2020

Azzam, la corsa contro il tempo

Il giovane Khalid, unico membro dell'equipaggio proveniente dagli Emirati e il meno esperto tra tutti, racconta il disalberamento di sabato sera

Abbonamenti SVN
ADV
Alicante - Azzam, la barca dell’Abu Dhabi Ocean Racing che aveva disalberato il 5 novembre poco dopo la partenza della Volvo Ocean Race, è nel porto di Alicante dove l’equipaggio e i tecnici del team stanno lavorando per sostituire l’albero e permettere alla barca di riprendere il mare.
Khalid, ventitreenne cittadino degli Emirati Arabi, il membro dell’equipaggio che ha il compito di rappresentare gli Emirati nella sfida sulla barca che porta il nome della sua terra d’origine, ha raccontato che sabato, il giorno in cui la barca ha perso l’albero, è stato il più pauroso di tutta la sua vita.

Quando è successo era notte fonda. Fortunatamente siamo tutti ben preparati e quindi abbiamo reagito con calma e professionalità, ma lo stesso, il cuore mi batteva all’impazzata. Grazie a Dio, stiamo tutti bene.

L’incidente è accaduto sabato 5 novembre sera alle 19,15 UTC. Il mare era molto mosso e la barca camminava veloce, quando scendendo da un onda più grande, l’albero, alto 31 metri, si è spezzato in tre parti ed è caduto.

Tutti sapevano cosa fare -continua Khalid- in particolare Wade, si è buttato in acqua e ha tagliato tutte le sartie per liberare l’albero. Un atto di vero coraggio. Quando ti trovi in una situazione come quella, è il momento che capisci veramente chi sei e cosa sei capace di fare.

La barca portata dallo skipper inglese Ian Walker, riprenderà il mare non appena sarà eseguita la sostituzione dell’albero.

Il nome di Azzam - dice Khalid - significa determinazione, e questo è quello che sentiamo tutti noi in questo momento. Certo, ora riprendere il mare fa paura, ma noi siamo tutti molto determinati a dare il 110 per cento e correre per vincere questa regata.”

link al video "Brutal wave smashes Abu Dhabi " powered by Volvo Ocean Race