domenica 27 novembre 2022
  breaking news

La chiglia della barca: dalla trapezoidale alla canting Keel

La chiglia della barca: dalla trapezoidale alla canting Keel

Alla ricerca della chiglia giusta: dalla trapezoidale alla chiglia a L per la crociera, dalla bichiglia per l’escursione di marea e quella a T o canting Keel per le regate

Contenuto riservato agli utenti registrati. Registrarsi è gratuito.

Per leggere l'articolo e per scaricare il PDF fai il login o registrati
In un qualunque cantiere incontreremo soprattutto tre tipi di chiglia: la pinna trapezoidale, tipica delle barche degli anni Settanta-Ottanta e parte dei Novanta, la chiglia con scarpone o a L e quella a T rovesciata

Il 27 settembre del 1983 a Newport, nel Rhode Island, era una giornata di vento leggero e la storia della vela mondiale stava per cambiare: in un solo colpo veniva battuto un record sportivo ultrasecolare – 132 anni di vittorie a stelle e strisce nell’America’s Cup – mentre il design navale subiva una rivoluzione.

Poche ore dopo avere strappato la coppa agli americani, il progettista di Australia II, Ben Lexcen, e il patron degli australiani, Alan Bond, mostravano al mondo la misteriosa chiglia che aveva reso la barca bianco-gialla imprendibile nelle ariette di Newport: una chiglia simile a quelle a L, ma dotata di due alette laterali, qualcosa di mai visto prima.

Di acqua sotto gli scafi ne è passata tanta da quel giorno di fine settembre del 1983 e oggi forse il mito di Australia II non è più così noto, ma quella barca diede una sensibile spinta agli studi successivi di fluidodinamica sui profili delle chiglie.

Oggi il mondo delle appendici è in continua evoluzione e ancora una volta la frontiera di riferimento è rappresentata dall’America’s Cup, che ha sposato la tecnologia foils, nonché dalle regate d’altura con la maggior parte degli open oceanici che impiegano ormai le canting keel.

Differenze tra chiglia in ghisa e piombo

I due materiali usati per la costruzione della maggior parte delle chiglie sono il piombo e la ghisa. La differenza sostanziale tra essi è il peso specifico: quello della ghisa è più basso, circa 7 kg per decimetro cubo contro gli 11.34 del piombo: a parità di peso sarà quindi la ghisa ad

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Registrati per leggere l'articolo integrale.

Login

Se sei già registrato fai il login per leggere l'articolo.
More than 100+ articles.

Registrati

Registrati per leggere i contenuti riservati ai nostri abbonati.

© Riproduzione riservata

NSS Vendita NSS Vendita NSS Vendita
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

CATEGORIE ARTICOLI