SVN logo

Barche a reddito, formula d’investimento che in Grecia sta prendendo piede

I greci abbandonano i buoni del tesoro e investono in barche con un rendimento tra il 9% e il 10%

Abbonamenti SVN
ADV
Atene – I greci investono sempre di più in barche da charter. A dirlo è il direttore generale della Kiriacoulis Italia, società parte dell’omonimo gruppo, Luciano Rigli.

Stando ai dati della Kiriacoulis, che è la terza società di noleggio più grande del mondo, con un parco barche di circa 500 unità con 25 basi in Mediterraneo e 7 ai Caraibi, i Greci hanno considerevolmente aumentato i loro investimenti in barche da charter.

Con un mercato interno paralizzato e i buoni del tesoro che, per quanto offrano interessi molto alti, sono considerati a rischio, molti investitori ellenici comprano barche per poi affidarle a società come Kiriacoulis che le gestisce per loro procurando un reddito interessante che si aggira intorno al 10% lordo l’anno.

Il noleggio, in Grecia, come in buona parte anche in Italia, si fa con clienti nord europei o americani, paesi dove la crisi o è finita o, comunque , è meno aggressiva che in Grecia.

Per favorire questo trend, la Kiriacoulis Italia, come altre importanti società del settore, hanno messo a punto delle formule che permettono di acquistare una barca pagando solo un anticipo iniziale per poi affidarla alla società di charter che la gestisce garantendo il rendimento.

Gestire barche messe a reddito è un’operazione che fanno in molte società con formule diverse. Tra le società più grandi, oltre a Kiriacoulis, che opera in Italia con la Kiriacoulis Italia, ci sono la Moorings e la Sunsail.

Per maggiori informazioni si può scrivere a info@kiriacoulis.it o chiamare il numero 348.8731211