SVN logo
SVN solovelanet
sabato 28 novembre 2020

La FIV mette i puntini sulle I sulla faccenda Laser

La Federazione ci invia una chiarificazione su quanto scritto circa i Laser alcuni giorni fa

Abbonamenti SVN
ADV
Genova – Il 30 gennaio scorso abbiamo pubblicato una nota della FIV dove questa diceva di non riconoscere più le Associazioni Internazionali della Classe Laser (EURILCA ed ILCA) per via del loro comportamento discriminatorio nei confronti del tesserati FIV.

Oggi, a distanza di qualche giorno, la FIV ritiene di specificare alcuni punti di quella nota, inviandoci un approfondimento che pubblichiamo volentieri.

Nota integrale
Si fa seguito alla recentissima deliberazione del Consiglio Federale per confermare il dispositivo di non inviare alcuna rappresentativa ufficiale alle manifestazioni della classe Laser rientranti nel circuito EURILCA ed ILCA.

Restano escluse da tale determinazione le partecipazioni a titolo individuale che ogni tesserato vorrà autonomamente attivare. Tale decisione resterà applicabile sino alla risoluzione della controversia che vede due Associazioni internazionali ancora intrattenere rapporti ufficiali e riconoscere come propria rappresentante in Italia un'associazione privata, non rappresentativa dei Laseristi italiani e non riconosciuta dall'autorità velica nazionale.

La straordinaria decisione del Consiglio Federale fonda principalmente sull'obbligo del versamento di una fee di non trascurabile entità imposta agli atleti italiani a favore di un’associazione ormai non più riconosciuta dalla Federazione, fuori dall'ordinamento sportivo italiano e senza titolo ad operare in Italia, oltre che sulla grave difficoltà posta in atto per gli stessi atleti italiani costretti, rispetto ai Laseristi degli altri paesi europei, a partecipare a prove di selezione per Europei e Mondiali di classe, unicamente in regate organizzate al di fuori del proprio territorio nazionale.

La deliberazione del Consiglio trova, poi, il proprio completamento nell'invio di una nota ufficiale al CEO della World Sailing che illustra la situazione in atto, ripresenta tutte le note già indirizzate alle due associazioni internazionali ILCA ed EURILCA, rimaste indecorosamente senza riscontro, e chiede una valutazione su quanto sta accadendo in Italia ed una eventuale presa di posizione da parte dell'Executive della federazione internazionale che si riunirà a Rio nella settimana dall'11 al 16 febbraio.