Spartivento
ADVERTISEMENT
Spartivento
ADVERTISEMENT
martedì 23 aprile 2024
Spartivento
  aggiornamenti

Lo yacht di Aurelio De Laurentis va a fuoco

L’Arga, lo yacht del padron del Napoli calcio, va a fuoco, i passeggeri si mettono in salvo con i gommoni

Napoli – Nel golfo di Napoli, davanti a Posillipo va a fuoco una grande barca a motore, il fumo si alza in una grande colonna che attira l’attenzione dei napoletani. La barca appartiene ad Aurelio De Laurentis, il proprietario del Napoli calcio e noto produttore cinematografico.

Ieri pomeriggio dopo le 18,00, il comandante dell’Arga ha informato la capitaneria che stava evacuando le persone a bordo perché la barca era preda di un incendio che era andato fuori controllo.

L’evacuazione di De Laurentis e della sua famiglia oltre a 4 persone di equipaggio è avvenuta in modo ordinato e senza momenti di paura. Il padron del Napoli è stato portato al molo Mergellina.

Le origini dell’incendio sono ancora ignote, sembra che sia andato a fuoco un motore, ma non si capisce come l’incendio possa essere sfuggito al controllo dell’equipaggio del superyacht che pure doveva essere dotato di sistemi di allarme elettronici e antincendio automatici.

Solitamente in questi casi, quando un motore va a fuoco i rilevatori di fumo e di temperatura fanno scattare i sistemi antincendio che inondano la sala macchina.

Lo yacht, lungo 32 metri che vale diversi milioni di euro, era stato acquistato da De Laurentis a marzo scorso.

Anche Fabio Cannavaro, ex capitano del Napoli e campione del Mondo, ha visto da una finestra l’incendio e senza sapere a chi appartenesse la barca ha postato un video su facebook, ma subito i suoi fans lo hanno avvertito sul social che la barca in questione era di De Laurentis.

© Riproduzione riservata

NSS Charter NSS Charter NSS Charter
ADVERTISEMENT
Barcando Barcando Barcando
ADVERTISEMENT
Mediter Mediter Mediter
ADVERTISEMENT
MarineCork MarineCork MarineCork
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

ARGOMENTI