SVN logo

Le Canarie sono passate

Il grosso della flotta della Mini Transat ha passato le Canarie

Abbonamenti SVN
ADV
Puerto Calero – Una dopo l’altra i piccoli mini passano davanti a Puerto Calero a Lanzarote alle Canarie. Originariamente questa doveva essere una tappa della transatlantica per i mini, ma poi, visto il grande ritardo con il quale è stata data la partenza, si è deciso di saltarla e far proseguire le barche dritte sino al di là dell’Atlantico. E’ la prima volta che si ha una Mini Transat così lunga.

In prossimità delle Canarie il vento ha mollato e ora, dopo quasi due settimane di burrasca continuata, è qualche giorno che si vede il sole e il vento non strappa i capelli dalla testa.

In testa a tutti, c’è Giancarlo Pedote, lo skipper italiano che si è preparato a questa avventura con la serietà e la professionalità di qualcuno che si prepara a fare l’astronauta e di tanto impegno sta cogliendo i frutti.

Le rotte per passare l’Atlantico sono diverse, si può prendere l’Aliseo alto e puntare subito verso l’oceano aperto, o si può scendere un po’ più giù e prenderlo più a sud, ogni rotta ha i suoi pro e i suoi contro. Giancarlo ha deciso di prendere la rotta alta e ora ha già iniziato la traversata.

Il suo avversario più pericoloso, Bertrand Delesne su TeamWork Proto, ha dovuto fare un pit stop alle Canarie per cercare di riparare il generatore che già dalla partenza a Sada gli ha dato problemi costringendolo a risparmiare energia elettrica e a non usare il pilota automatico, il che ha significato fare turni estenuanti al timone. Il tempo perso nel fermarsi sarà duro da recuperare e Giancarlo potrà tirare un po’ il fiato.

L’unico italiano oltre a Giancarlo Pedote, rimasto in gara è Michele Zambelli su Fontanot (prototipo) che è al sesto posto e si sta accingendo in queste ore a passare davanti a Puerto Calero.