Spartivento
ADVERTISEMENT
Spartivento
ADVERTISEMENT
giovedì 25 aprile 2024
Spartivento
  aggiornamenti

Ritrovato il Moody 54 rubato a Marina degli Aregai

Forse un’organizzazione di furti su commissione dietro la scomparsa del Moody 54

Moody 54 - foto d'archivio
Moody 54 - foto d'archivio
Tunisi (Tunisia) – E’ stato ritrovato in un porto dell’Africa del Nord, cha la polizia non ha voluto rendere noto, si pensa a Tunisi, il Moody 54 rubato qualche settimana fa a Marina degli Aregai. La barca, in perfette condizioni, aveva bandiera russa, numeri di matricola cambiati e anche il numero dello scafo sembra sia stato cancellato.

A quanto sembra, a ritrovare la barca sarebbe stato un’agenzia d’investigazione che ha rintracciato nel breve giro di qualche giorno la barca. L’imbarcazione è stata riconosciuta grazie ai numeri degli apparecchi elettronici presenti a bordo, una delle poche cose che i ladri non hanno sostituito.

“C’è un’indagine in corso e la barca è ancora sotto sequestro, non posso rivelare altre informazioni oltre al confermare il ritrovamento, ma è una bella notizia,” dice Guido Ruspoli, l’armatore della barca. E in effetti intorno al ritrovamento del Moody c’è il massimo riserbo e nessuno parla, né l’armatore, né chi in Marina sembra sapere qualche cosa, tutti si trincerano dietro le indagini in corso. Tale riserbo sta a indicare che dietro il furto del Moody c’è qualche cosa di più importante di semplici ladri di barche.

C’è chi dice che la barca sia stata rubata e poi subito venduta a un cliente russo, cosa che fa pensare che il furto sia stato pianificato in anticipo il che, con un esercizio di fantasia, porterebbe a ipotizzare che a rubare la barca possa essere stata un’organizzazione internazionale dedita al furto di mezzi di lusso.

Una barca di questo tipo potrebbe essere stata rivenduta a diverse centinaia di migliaia di euro. Ad avvalorare tale ipotesi anche la velocità con la quale la barca ha trovato un nuovo proprietario e con cui è stata ritrovata, come se gli investigatori sapessero quali piste battere.

© Riproduzione riservata

NSS Charter NSS Charter NSS Charter
ADVERTISEMENT
Barcando Barcando Barcando
ADVERTISEMENT
Mediter Mediter Mediter
ADVERTISEMENT
MarineCork MarineCork MarineCork
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti

ARGOMENTI