SVN logo

La Regione Puglia ha aperto alle uscite in barca, ma solo per chi va a pescare

Inspiegabile l’ordinanza della Regione Puglia che apre alla nautica ma solo se finalizzata alla pesca

NSS
ADV
Bari – Inspiegabile mossa del Governatore della Puglia, Michele Emiliano. Il Governatore, andando contro le indicazioni del governo e rischiando una diffida da parte di questo (le regioni, per tutto il periodo dello stato di emergenza, che scadrà il 31 luglio del 2020, possono restringere ulteriormente le misure prese dal governo, ma non possono fare il contrario) e soprattutto, minando l’autorità governativa in un momento molto delicato, ha aperto alla possibilità di andare in barca, ma solo a chi pratica pesca sportiva.

La cosa ha lasciato perplessi i velisti e diportisti pugliesi. La vela è considerata uno degli sport più sicuri in assoluto, perché allora, secondo il governatore pugliese si può uscire per andare a pescare, ma non per andare a fare vela? Il risultato è che molti velisti caricheranno sulle loro barche le canne da pesca e usciranno facendo traina.

Nell’ordinanza il governatore, che ha anche aperto alla possibilità di recarsi in barca per fare manutenzione, ma non per uscire in mare, ad eccezione, come abbiamo detto di chi fa pesca dilettantistica, spiega : “L’attività di pesca dilettantistica non solo crea un’importante forma di sostentamento per le famiglie, ma produce anche effetti benefici sulla salute fisica e psichica delle persone“.

Molti hanno inquadrato l’ordinanza nell’ambito dello scontro tra il governatore Emiliano e parte del suo stesso partito, il PD.

© Riproduzione riservata