SVN logo

Roma per Tutti: Kuka 3 primo a Lipari, il Maestrale sta arrivando sulla flotta

Dopo lo scirocco, e una fase di bonaccia, sta arrivano vento forte da nordovest che renderà la risalita verso Riva di Traiano molto dura.

NSS
ADV
È un’edizione molto dura della Roma per Tutti, Per Due, quella che si sta correndo in Tirreno. Bolina, bolina, e ancora bolina, l’incubo di ogni velista si è materializzato già dalla partenza da Riva di Traiano, quando un robusto Scirocco intorno ai 20-25 nodi ha fatto capire alla flotta quanto sarebbe stata dura la discesa del Tirreno verso Ventotene prima e fino a Lipari poi.

La Roma per Tutti, per Due, partita sabato da Riva di Traiano, si corre sul percorso Riva-Ventotene-Lipari-Riva, per quasi 539 miglia di regata.

Al passaggio di Lipari la prima barca, in tempo reale, è il Cookson 50 Kuka 3 di Franco Nieggeler, in testa alla flotta fin dalle prime miglia. Dopo gli “schiaffi” dello Scirocco, adesso è la bonaccia a rendere la vita difficile ai partecipanti, dato che a ridosso delle Eolie si è estesa un’ampia zona senza vento che sta rendendo a tutti l’avvicinamento molto complicato.

A inseguire Kuka 3, a poco più di 20 miglia di distanza, c’è lo Swan 42 Scheggia di Nino Merola, barca molto pericolosa nell’ottica della classifica in tempo compensato. Nella categoria Per Due invece è il Comet 45 Libertine, della coppia Paolucci-Zichichi, a dettare il passo. Rispetto alle iscrizioni della vigilia, nessun solitario è invece partito per quest’edizione della mitica Transtirrenica.

La “sofferenza” per le barche è lungi dall’essere finita. Tra poche ore la bonaccia lascerà posto a un intenso flusso di vento da Maestrale, che esordirà come Ovest per poi ruotare leggermente e posizionarsi nella sua direzione definitiva.

La risalita sarà quindi con mare duro e vento stimato ben oltre i 20 nodi. Sarà una bolina, non troppo stretta, veloce, ma in condizioni che si preannunciano piuttosto dure, soprattutto per le barche più piccole della flotta che prenderanno la parte più intensa del Maestrale.

L’arrivo della prima barca a Riva di Traiano è prevista tra circa 36 ore.

*****

La regata



La XXVII edizione della Transtirrenica si svolgerà sul classico percorso Riva di Traiano/Lipari/Riva di Traiano, 535 miglia di pura “adrenalina velica”, da percorrere in solitario, in doppio o in equipaggio passando, solo nella discesa verso Lipari, il cancello di Ventotene, e lasciando poi all’ispirazione tattica dei singoli equipaggio, le scelte migliori per la risalita.

© Riproduzione riservata