SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 26 novembre 2020

Sea Shepherd pronti a dare battaglia

I pirati verdi si sono armati con droni e una baleniera per rinforzare la flotta e muovere contro le baleniere giapponesi

Abbonamenti SVN
ADV
Sea Shepherd, i pirati verdi, sono sempre più organizzati e potenti, mentre i loro storici nemici, le baleniere giapponesi, sono sempre più deboli e ormai pronte a dare il via alla stagione di caccia alla balena sapendo già che sarà molto difficile portare a termine la cattura. Dalla parte delle balene ci sono i pirati verdi che con ogni mezzo a loro disposizione ostacolano l’azione dei giapponesi.

I Sea Shepherd quest’anno schierano una nuova unità, una baleniera comprata in modo avventuroso da una società giapponese che l’aveva dimessa: poiché nessun giapponese venderebbe mai una baleniera ai Sea Shepherd, questi l’anno comprata attraverso degli intermediari che si fingevano emissari di uno Stato minore supportati da un contributo di Sam Simon, sceneggiatore e produttore televisivo statunitense coautore e creatore della fortunata serie i Simpson.

La baleniera era catalogata come nave da ricerca (i giapponesi per violare la legge contro la caccia alle balene, dichiarano di fare ricerca scientifica) e gli Sea Shepherd in sfregio ai giapponesi hanno fatto ridipingere a lettere sgargianti la parola “ricerca” sullo scafo.

Quest’anno i pirati verdi utilizzeranno anche dei droni per rintracciare e seguire le baleniere giapponesi nel Mar Antartico e Paul Watson, fondatore e capo dei pirati verdi, seguirà le operazioni da una località sconosciuta perché ancora latitante ricercato dal Costa Rica in seguito a un incidente legato ad azioni contro la pesca degli squali.