SVN logo
SVN solovelanet
giovedì 26 novembre 2020

Seawind 1600, ora conta anche l’estetica

La Seawind presenta il nuovo 1600. L’estetica del cantiere cambia totalmente

Abbonamenti SVN
ADV
Sydney (Australia) - Il Cantiere australiano Seawind presenta il suo ultimo modello, il Seawind 1600.

Il cantiere, che è stato acquisito nel 2010 dalla Corsair Marine, il produttore dei noti trimarani con le ali chiudibili, ha intrapreso da allora una profonda rivisitazione della sua filosofia costruttiva inserendo un elemento fondamentale per potersi presentare sulla scena internazionale, l’estetica.

I modelli di questo cantiere erano conosciuti per essere concentrati nell’ottimizzazione dei volumi senza alcun riguardo per l’estetica della barca. Con il Seawind 1600 le cose cambiano.

Il disegno della barca realizzato da uno degli studi più conosciuti al mondo, Reichel Pugh Design, è esteticamente piacevole e armonioso.

La barca sarà un cat da crociera sportiva, l’equivalente di quello che nei monoscafi è il performance. Avrà una doppia timoneria posta all’estremità posteriore dei due scafi, con le pale del timone alzabili e i daggerboards (le lame di deriva alzabili), ottenendo in questo modo un pescaggio minimo di circa 60 centimetri.

Internamente si trova una barca dal gusto europeo, profondamente diversa da quanto già visto in questo cantiere. Il Seawind 1600, almeno sulla carta, è una barca elegante e esteticamente piacevole.

Per gli interni saranno disponibili due versioni a 3 e a 4 cabine.

Dopo l’acquisizione del cantiere da parte della Corsair Marine, gli stabilimenti di produzione sono stati spostati in Vietnam dove già si producono i Corsair.