giovedì 20 gennaio 2022
SVN SUPPORT
  breaking news

Soldini conquista il record della Manica

Match race tra Maserati e Power Play: il Multi 70 italiano segna il nuovo record alla media di 30,59 nodi e Soldini conquista il record della Manica

Maserati, il Multi 70 italiano
Maserati, il Multi 70 italiano
Nuovo record in poche settimane per Giovanni Soldini e Maserati Multi 70, che hanno fatto registrare un nuovo tempo di riferimento nella traversata della Manica, dopo quello da Plymouth a La Rochelle.

Partiti da Cowes (UK), hanno tagliato il traguardo al largo di Dinard (FR) percorrendo le 138 miglia in 4 ore, 30 minuti e 49 secondi, con una velocità media di 30,59 nodi: il Team italiano migliora di 18 minuti il tempo stabilito nel 2015 da Lloyd Thornburg e Brian Thompson a bordo di Phaedo3. I tempi di percorrenza sono stati raccolti dai due equipaggi in gara, dovranno essere ratificati dal World Sailing Speed Racing Council.

Non era un record banale da battere, e il coefficiente di difficoltà era ancora più alto perché in acqua Maserati oltre a combattere contro il tempo ha lottato contro un rivale vero, il Multi 70 Power Play, che ha tagliato il traguardo di Dinard appena 4 minuti dopo Maserati, concludendo la prova con un tempo di 4 ore, 34 minuti e 6 secondi.

Entrambe le barche hanno quindi migliorato il tempo del 2015, a conferma che in acqua è stata sfida vera. A bordo di Maserati hanno regatato Ambrogio Beccaria, Vittorio Bissaro, Guido Broggi, François Robert, Carlos Hernandez Robayna e Matteo Soldini. Oltre ai suoi uomini storici Soldini ha voluto Vittorio Bissaro, specialista di multiscafi e grande protagonista della classe Nacra 17, e Ambrogio Beccaria, astro nascente della vela oceanica italiana, vincitore della Mini Transat 2019.

“La prima ora è stata piuttosto lenta”, racconta Soldini, “per uscire dal Solent abbiamo dovuto fare 5 o 6 strambate. Una volta nella Manica fortunatamente siamo decollati e siamo partiti a chiodo! Abbiamo fatto una traversata molto veloce, con medie fino a 35 nodi. Questo però non era abbastanza per battere PowerPlay, che faceva comunque delle velocità eccezionali, ma quello che ha fatto davvero la differenza è stata la rotta: siamo stati super attenti alle traiettorie, in particolare tra le Isole del Canale, e questo ci ha permesso di ottenere questi pochi minuti di vantaggio. Volevo quindi ringraziare il mio super equipaggio, ma anche Peter Cunningham e PowerPlay, che hanno reso la sfida ancora più emozionante”.

Le sfide di Maserati in queste acque non sono finite, così come non è concluso il confronto con Power Play. Soldini e il suo equipaggio andranno infatti all’attacco del record del Fastnet Original Course (da Cowes a Plymouth, passando per il faro di Fastnet, a sud dell’Irlanda), fissato solo poche settimane fa dal rivale.

© Riproduzione riservata

Lascatutto Lascatutto Lascatutto
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

CATEGORIE ARTICOLI

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?