sabato 22 giugno 2024
  aggiornamenti

Transat Jacques Vabre: Beccaria e Bona vanno all’attacco

Si accende la sfida della transatlantica in doppio con gli italiani ancora protagonisti

Ambrogio Beccaria con Allagrande Pirelli ha ripreso la testa della corsa
Ambrogio Beccaria con Allagrande Pirelli ha ripreso la testa della corsa
Pardo Pardo Pardo
PUBBLICITÀ

Comunque vada a finire sarà un anno da ricordare questo 2023 per la vela italiana in Oceano e in particolare questo magico mese di novembre.

Solo pochi giorni fa è arrivata la vittoria della Mini Transat a opera di Luca Rosetti, ma nel frattempo è ancora tutto in gioco alla Transat Jacques Vabre, la transatlantica in doppio da Le Havre alla Martinica.

Nella categoria Class 40, dove c’è grande attesa per gli skipper italiani, Ambrogio Beccaria con Allagrande Pirelli ha ripreso la testa della corsa, seguito a poche miglia da Alberto Bona su IBSA. Andrea Fornaro lotta a ridosso della top 10, a conferma della qualità di tutti gli italiani.

Non sono più della regata Alberto Riva, infortunatosi a una gamba, e Pietro Luciani, coskipper su Dekuple che è stata fermata da una collisione con un oggetto non identificato.

La battaglia nei Class 40 è serrata: in poche decine di miglia, chi più a nord chi a sud come gli italiani, ci sono 5-6 barche che si candidano al podio della regata.

Fino a ora l’Aliseo è stato intenso e le velocità alte, ma nelle prossime ore il vento calerà e i primi della flotta dovranno essere precisi a dettare il tempo delle strambate che ci saranno da fare, per avere la migliore rotta di avvicinamento verso la Martinica, in questa lunga sfida di velocità alle andature portanti.

Beccaria e Bona sono le due barche posizionate più a sud, scelta che nelle prossime ore dovrebbe garantire un paio di nodi di intensità di vento in più.

L’Aliseo comunque diventerà meno stabile, anche come direzione, e dopo le prossime strambate si capirà chi ha fatto la scelta più giusta.

Buona la regata di Giancarlo Pedote tra gli Imoca 60, con Prysmian attualmente in 12ma posizione e all’attacco della top 10, navigando a medie sostenute, anche oltre i 20 nodi, nell’Aliseo a sud delle Canarie. Per Pedote fino ad ora una regata in linea con le potenzialità della sua barca, in fase di sviluppo verso il Vendée Globe 2024.

Tra gli Imoca è avvincente la situazione strategica dei primi, con la svizzera Justine Mettreaux, skipper di teamwork.net, che ha scelto una rotta estrema a Nord, a caccia del vento di una depressione atlantica, che potrebbe portare delle sorprese rispetto al resto della flotta che ha optato per una classica navigazione nell’Aliseo.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ