SVN logo
SVN solovelanet
mercoledì 25 novembre 2020

Day 24 – La meteo premia i primi

I venti forti si spostano con il gruppo di testa, lasciando gli inseguitori ai venti più deboli

Abbonamenti SVN
ADV
Sembra proprio che Eolo non voglia aiutare in nessun modo il gruppo degli inseguitori del quintetto di testa della Vendée Globe. Quest’ultimo continua a camminare sulla scia del margine di una bassa pressione, scia che si chiude al loro passaggio rallentando gli inseguitori con venti deboli e incostanti. Sarà così anche per le prossime 24 ore.

Puoi avere una barca eccezionale, puoi rinunciare a dormire, romperti la schiena con continui cambi di vele, ma quando Eolo decide che non è il tuo momento, c’è poco da fare. Questo è quello che sta accadendo agli otto inseguitori del gruppetto di testa. Come Armel Le Cléac´h e i quattro che lo tallonano da vicino, il vento si chiude dietro di loro costringendo Mike Golding, Jean Le Cam e Dominique Wavre a moltiplicare gli sforzi non per guadagnare acqua, ma solo per limitare il distacco crescente.

La testa della regata - Armel e gli altri 4 stanno correndo spinti da un vento di 25/30 nodi costante con mare regolare anche se molto formato, mentre Golding e i suoi compagni d’inseguimento stanno fuggendo da una sacca di alta pressione che non sembra volerli abbandonare con venti tra i 14 ei 18 nodi. Le previsioni meteo dicono che la situazione continuerà per le prossime 24 ore: dopo il passaggio del gruppo di testa, lentamente, i venti diventeranno più deboli.

Gabart - Il giovane Gabart sembra avere problemi con il suo trasmettitore perché da questa notte non appare più sullo schermo della Vendée Globe e ieri sera non ha potuto partecipare alla diretta di Vendée Globe TV, ma il comitato organizzatore assicura che sta bene e non ha problemi. Da quanto si sa, durante la notte ha perso la terza posizione e ora copre la quarta tallonato a breve distanza da Alex Thomson.

Sansò - Jevier Sansò ha fatto lo stesso errore di Armel Le Cléac´h, quando questi ha perso la testa della regata ha voluto stringere troppo verso est nel passaggio della zona dominata dall’anticiclone di Sant’Elena e si è venuto a trovare nel mezzo dell’alta pressione. Un errore pagato caro che negli ultimi 4 giorni ha fatto raddoppiare la distanza tra lui e il gruppo di testa.

La meteo della Vendée Globe