sabato 22 gennaio 2022
SVN SUPPORT
  breaking news

Il caldo uccide vongole e pesci, ma c’è chi dice che non è vero

Diatriba tra Coldiretti e esperti di itticoltura sul calo della pesca delle vongole

I pescatori e la Coldiretti Impresapesca denunciano un calo del pescato, vongole, cozze, orate, cefali e saraghi del 40%, calo dovuto al gran caldo che ha fatto salire la temperatura dell’acqua anche sino a 35°.

Il fenomeno, dice la Coldiretti Impresapesca, è particolarmente evidente in Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia sull’Adriatico e in Toscana sul Tirreno.

Il caldo fa proliferare le alghe che levano ossigeno ai pesci e ai crostacei facendoli morire.

Il calo del pescato sta mettendo in difficoltà molte aziende e per questo è stato chiesto lo stato di calamità naturale.

Sulle vongole, però non tutti i pareri sono concordi. Molti esperti, ad esempio, accusano la flotta peschereccia dell'Adriatico di sfruttare in maniera troppo intensiva i fondali, passandoli con vere e proprie "setacciature" che non lasciano poi alcuna forma vita, impedendo così la corretta riproduzione dei bivalvi.

© Riproduzione riservata

Lascatutto Lascatutto Lascatutto
ADVERTISEMENT

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

CATEGORIE ARTICOLI

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?