SVN logo

Mercedes e Red Bull pronte a sbarcare in Coppa America

Secondo un’indiscrezione le due big della Formula 1, Mercedes e Red Bull sono pronte a scendere in Coppa America a fianco di Ineos e Alinghi

Abbonamenti SVN
ADV
La Coppa America vive ancora il caso Dunphy, lo scontro tra Team New Zealand e il milionario Dunphy, ma mentre la diatriba sull’organizzazione della prossima edizione resta sullo sfondo arrivano news gustose dal fronte sfidanti.

Secondo quanto riportato da Richard Gladwell su Sail World, sempre ben informato sugli “scoop” della Vecchia Brocca, i team di F1 Mercedes e Red Bull Racing starebbero per sbarcare in Coppa America.

La notizia, qualora venisse confermata, suona come fragorosa ma in realtà era nell’aria dato che gli AC75 hanno avvicinato di molto, per ricerca dei materiali e progettazione, il mondo della vela con quello delle corse.

La Mercedes sarebbe pronta ad annunciare la sua partnership con Ineos Team UK, mentre la Red Bull scenderebbe in campo con la sfida di Alinghi che ormai da molte settimane viene data quasi certa, come vi avevamo raccontato anche nella news sul caso Dunphy.

L’apporto che i progettisti dei team di Formula 1 potrebbero dare sarebbe piuttosto importante, dato che ormai i due mondi hanno delle cose in comune a livello di studi aerodinamici e vengono utilizzati materiali simili tra la costruzione della scocca delle macchine di F1 e quella degli AC 75.

In Coppa America si rinnoverebbe quindi il duello tra Mercedes e Red Bull, e il collegamento tra i due mondi potrebbe far pensare che questi due casi non resteranno a lungo isolati nell’eventualità in cui arriveranno ulteriori sfidanti a tentare l’assalto alla Coppa America.

La Mercedes in realtà aveva già collaborato sotto traccia con Ineos nella passata edizione, ma senza metterci ufficialmente “la faccia”.

A proposito di progettisti che arrivano dalla Formula 1, il capo del design team di Emirates Team New Zealand, Dan Bernasconi, ha un lungo passato in dentro il design team della McLaren.

Insomma i legami ci sono già e i due mondi potrebbero essere sempre più vicini nei prossimi anni.

© Riproduzione riservata