SVN logo

La nautica italiana seconda per export nonostante la pandemia

I dati arrivano da un forum organizzato dalla Banca Unicredit e confermano che l’industria della nautica italiana resta molto competitiva. Nonostante la pandemia si posiziona al secondo posto nell’export

Abbonamenti SVN
ADV
Dati molto interessanti sul mondo della nautica sono arrivati dal Forum delle economie dedicato alle aziende nautiche organizzato da UniCredit (in collaborazione con Confindustria Nautica, Prometeia e Infomest Consulting).

Dalla conferenza è arrivata la conferma, in numeri, che la nautica italiana, o almeno una sua parte consistente, ha retto bene l’impatto e che continua a essere competitiva anche a livello internazionale nonostante la crisi della pandemia che ha toccato tutti i settori.

A fronte di un calo globale degli scambi economici internazionali di oltre il 10% nel 2020, l’Italia si posiziona al secondo posto nell’export riservato alla nautica solo dietro l’Olanda che è un altro paese che da sempre punta sulla cantieristica per la propria economia.

Ci sono settori che hanno sofferto maggiormente, altri di meno e per esempio quello delle barche a vela per certi aspetti è uno di questi. L’Italia con le sue imprese del comparto nautico e navale fa registrare per l’anno 2020 un fatturato di oltre 11 miliardi di euro ed esportazioni per circa 4,9 miliardi. A essere trainante anche per il 2020, come già avvenuto altre volte in passato, è il comparto navale che ha un peso più importante, ma quello della nautica resta significativo.

Il trend di crescita della nautica in Italia negli ultimi anni è sempre stato con il segno +, con un fatturato più che raddoppiato in questo periodo, facendo meglio di altri settori economici come quello manifatturiero.

A supporto di tutto ciò va aggiunto un dato ulteriore, il ritrovato interesse degli italiani verso la vacanza in barca. Una tendenza che si era già avviata nel 2020 e sembra confermata in questo 2021, con un +40% di ricerche a tema sul web (fonte Google) fatte dagli italiani.

© Riproduzione riservata