lunedì 20 maggio 2024
  aggiornamenti

Ocean Race: Malizia e Holcim in testa verso il Brasile dopo Capo Horn

La terza tappa della Ocean Race vede una lotta serrata tra Malizia e Holcim verso il traguardo brasiliano dopo il passaggio di Capo Horn, con una distanza di soli 19 miglia. Gli equipaggi affrontano condizioni meteo complesse e il rischio di una bolina finale impegnativa.

Team Malizia doppia Capo Horn
Team Malizia doppia Capo Horn
SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER SVN GUIDE CHARTER
GUIDE DI CHARTER

Con il passaggio di Capo Horn, avvenuto per tutti i team nelle ultime 48 ore, siamo entrati nella fase finale della terza tappa della The Ocean Race, che avrà il suo arrivo a Itajai in Brasile.

La terza tappa della regata è partita il 26 febbraio scorso da Cape Town, in Sud Africa. Con le sue 12.750 miglia, la Leg 3 è la tappa più lunga mai disputata nel giro del mondo a tappe, che vede impegnati cinque equipaggi IMOCA 60.

Come spesso accade Capo Horn ha fatto un po’ di selezione con il suo meteo imprevedibile, e ne sono usciti in fuga Malizia e Holcim. La prima un po’ a sorpresa, dato che per alcune ore ha rallentato la sua corsa per consentire alla co-skipper Rosalin Kuiper di riposare ed essere assistita dopo la commozione celebrale riportata a seguito di una caduta a bordo.

Gradualmente Malizia è rientrata in modalità regata, date le condizioni in ripresa della velista, e adesso conserva circa 19 miglia di vantaggio su Holcim. Più staccati Biothern e 11TH Hour Racing, distanti 300 miglia.

Per loro il passaggio di Capo Horn è stato complesso, con una zona senza vento che ha sbarrato la rotta mentre i due team di testa riuscivano a infilare un corridoio di vento nel mare confuso e caotico al largo del mitico capo, partendo in fuga.

Lo sprint finale verso Itajai sarà lungo 1600 miglia per la coppia di testa e le condizioni meteo si annunciano complicate. L’Aliseo è molto più a nord, fuori portata, ed è assai probabile che ci sarà una fase di bolina lunga per risalire verso l’arrivo.

Dopo una tappa simile la bolina finale con vento forte e onda può essere un rischio, con gli Imoca 60 che sono stati già messi sotto pressione da una tappa che è partita ormai 30 giorni fa e ha attraversato Oceano Indiano e Pacifico.

Gli equipaggi, affaticati dopo una leg durissima che ha obbligato i velisti diverse volte ad eseguire riparazioni sulle barche dopo i passaggi dei fronti perturbati, hanno dovuto affrontare sfide diverse durante la traversata. Mentre Team Malizia ha riparato con successo l'albero in carbonio danneggiato nell'Oceano del Sud, Guyot Environnement non è riuscita a completare la sua traversata a causa di un cedimento strutturale e ha dovuto fare ritorno a Cape Town.

La terza tappa però è ancora lontana da eleggere la sua regina, e il finale promette colpi di scena.

© Riproduzione riservata

SVN VIAGGI SVN VIAGGI SVN VIAGGI
ARTICOLI DI VIAGGI
NSS Charter NSS Charter
PUBBLICITÀ