SVN logo

Due barche a vela affondano per il maltempo

Il mare grosso fa “strage” di barche in Sicilia: due barche a vela affondano. I due incidenti sono avvenuti a Marsala e nel porto di Ustica

Abbonamenti SVN
ADV
L’avvicinarsi della fine dell’estate determina le prime inevitabili turbolenze del meteo, che nel weekend appena trascorso ha avuto la sua prima “rottura” della bella stagione soprattutto al sud Italia.

Un violento colpo di Maestrale, con temporali sparsi, ha interessato in particolare la Sicilia e non sono mancati i problemi per i diportisti che si stanno attardando nelle ultime crociere in barca a vela.

Sono state ben due le barche affondate, una nel porto di Ustica e la seconda nei pressi di quello di Marsala. In quest’ultimo la barca naufragata batteva bandiera francese e a bordo c’erano quattro diportisti, tratti tutti in salvo.

La barca, che da una prima ricostruzione sembrerebbe essere un Oceanis Clipper 423, nella notte tra sabato e domenica si trovava in rada quando la sua ancora a un certo punto ha spedato.

L’equipaggio a quel punto ha cercato di raggiungere il porto: sembra abbia puntato il faro verde, più vicino alla terra e agli scogli, non riuscendo poi a manovrare a causa dei frangenti all’imboccatura, finendo per arenarsi.

Tempestivo l’intervento della Guardia Costiera, i turisti sono stati messi in salvo senza conseguenze, ma la barca si è poggiata sul fondo dopo avere imbarcato acqua a causa dei danni riportati negli urti contro gli scogli. Per fortuna si trova su un fondale con profondità modesta.

Situazione diversa invece ad Ustica, dove l’affondamento della barca, anche questa un Oceanis, battente bandiera tedesca, è avvenuto in porto, come racconta questo video.



L’approdo di Ustica, per chi lo conosce, non è ritenuto sicuro in caso di mare molto formato perché risente di una forte risacca. La barca, un 14 metri, ha iniziato a sbattere sulla banchina dove si trovava ormeggiata, aprendo una fatale via d’acqua. Si è adagiata sul fondo, buona parte del suo albero è emerso, a ridosso di una delle banchine del porticciolo.

Due incidenti forse evitabili con una lettura del meteo più prudente e uno spostamento anticipato verso approdi più sicuri.

© Riproduzione riservata