SVN logo
SVN solovelanet
sabato 28 novembre 2020

La rete che salva lo squalo elefante

Sui device un allarme avviserà le autorità delle catture accidentali

Abbonamenti SVN
ADV
Lo squalo elefante è sempre più a rischio nel Mediterraneao, ecco allora che entra in gioco la tecnologia con delle reti da pesca dotate di sensori che rilevano la cattura accidentale di questo gigante del mare o di cetacei come piccoli copodogli.

I sensori avvertiranno direttamente sullo smartphone i pescatori e le autorità interessate in modo che questi possano provvedere alla liberazione dell’animale.

La speciale rete da 'posta' "Wireless marine multisensor system" è stata progettata dal Dimes dell'Università della Calabria, nell'ambito del progetto life+, promosso dalla Ue.

Le reti coinvolte sono reti da posta modulabili in modo da poter essere di diverse dimensioni. Queste avranno una boa madre e una serie di boe figlie. La boa madre riceverà i segnali provenienti dalle boe figlie che, grazie a una serie di sensori, rileveranno vibrazioni e stato di trazione e suoni, informazioni che messe insieme potranno rilevare la presenza nella rete di animali di grandi idmensioni con le caratteristiche dello squalo elefante o di altri animali protetti.

La boa madre, quindi rilancerà il segnale a una stazione a terra che la farà apparire su di una pagina web dove gli interessati protranno monitorare, momento per momento cosa accade nelle reti.

Il sistema per funzionare dovrà essere applicato a reti che arrivano in profondità sino a cento metri.

Con questo sistema il suo inventore, il professore Calogero Pace, professore associato di elettronica del Dimes, spera che si potrà intervenire per slavare l’animale in questione entro 2/3 ore dalla cattura.