SVN logo

Vendée Globe: Ruyant pronto al sorpasso su Alex Thomson

Continua il Vendée Globe, il francese Thomas Ruyant va all’attacco, l’inglese Hugo Boss soffre di bolina al largo del Brasile

Abbonamenti SVN
ADV
Prosegue senza sosta la corsa di questo Vendée Globe partito lo scorso 8 novembre da Les Sables d’Olonne con 33 skipper sulla linea di partenza.

Il britannico Alex Thomson, al comando della flotta, ora è in difficoltà.

Lo scatenato Thomas Ruyant tallona Thomson, staccato di sole 7 miglia, e in quest’andatura la sua Linkedout sembra nettamente più veloce di Hugo Boss. Poco più lontano segue Charlie Dalin con Apivia, anche lui almeno 3 nodi più veloce di Hugo Boss.

Per la prima volta dall’inizio del Vendée Globe il britannico al comando di Hugo Boss sembra soffrire notevolmente le velocità degli inseguitori. Thomson è entrato nell’emisfero sud e naviga, di bolina larga, lungo le coste del Brasile a caccia di una depressione che si sta formando più a sud e che catapulterà la flotta verso Capo di Buona Speranza.

In questo momento i leader della corsa navigano in un robusto aliseo e lo faranno almeno ancora per circa 48 ore.

Perché questa differenza di velocità?

Hugo Boss prima delle calme equatoriali, che hanno rallentato comunque poco la flotta, aveva oltre 100 miglia di vantaggio su Thomas Ruyant con la sua Linkedout e Charlie Dalin con Apivia.

Ne ha perse la maggior parte, un po’ dentro le calme, ma soprattutto quando è iniziata la bolina larga.

I foil a L di Linkedout e Apivia sono perfettamente a loro agio in condizioni di poca onda come quelle degli ultimi giorni, nelle quali riescono a mandare in full foiling gli Imoca. I foil di Thomson invece sono a C, più profondi, adatti più a generare sollevamento in condizioni di onda più marcata.

Potrebbe essere questa la ragione dell’emorragia di miglia delle ultime ore. A bordo di Hugo Boss al momento non viene segnalato alcun problema tecnico, anche se tutte queste miglia perse suonano quasi come qualcosa di anomalo.

Ottima fase invece per Giancarlo Pedote al comando di Prysmian Group, che ha scalato diverse posizioni e che in queste ore sta affrontando il cambio di aliseo attraverso le calme equatoriali.

Pedote è risalito fino alla 13ma posizione, con ottime medie nelle 24 ore ben superiori alle 400 miglia, segno che lo skipper italiano ha attaccato per recuperare un po’ della strada persa nella prima parte.

Adesso il suo ritardo dal leader è di 388 miglia.

---

Vendée Globe 2020/2021 partita l'8 novembre 2020 da Les Sables-d'Olonne (Francia), la nona edizione, 33 skipper, più di 25 mila miglia intorno al mondo, in solitaria e senza assistenza, su prototipi di carbonio iper tecnologici, molti dei quali dotati di foil.

Il record da battere è quello registrato da Armel Le Cleac’h su Banque Populaire nel 2016 con il tempo di 74 giorni 03 ore 35 minuti e 46 secondi.