giovedì 27 gennaio 2022
  breaking news

Boa antisqualo: la boa in grado di segnalare la presenza di squali

Sperimentate in Australia delle boe che possono riconoscere la presenza di squali a 60 metri di distanza

Sydney (Australia) – E’ stata sperimentata con successo nel grande acquario di Sydney e ora anche in mare una boa intelligente in grado di individuare uno squalo a 60 metri di distanza. La boa, che utilizza la piattaforma Google di cloud computing, usa accessori sonar per individuare oggetti più lunghi di due metri che si avvicinano a meno di 60 metri.

Una volta individuato lo squalo in avvicinamento, la boa, con un segnale radio, avverte il bagnino che avrà il tempo di fare uscire i bagnanti dall’acqua.

In Australia e in Nuova Zelanda, così come in altri luoghi nel mondo, il problema degli squali è molto sentito e influisce in modo significativo sulle abitudini di frequentare le spieagge e sul turismo.

Poter stendere una rete di boe intelligenti significherebbe creare una barriera di protezione all’interno della quale i bagnanti si potrebbero muovere in sicurezza, certi che, nel caso un predatore dovesse penetrare la zona sicura, si provvederà a farli uscire dall’acqua.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere connesso con il mondo della vela e non perderti i nostri articoli, video e riviste, iscriviti alla nostra newsletter!

CATEGORIE ARTICOLI

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?